sabato 19 gennaio 2013


Cena frugale

MIIIIIIHHH che rottura di balle!
Uno non può nemmeno scaldarsi una semplice fettina senza finire per avere un attacco di nervi.
Tolgo fuori dal freezer una di quelle vaschette con tre bistecchine comprata al supermercato perché non ho voglia di cucinarmi altro che mi prenda troppo tempo. Il cellofan che la avvolge è di quelli morbidissimi che aderisce benissimo al contenitore. Lo sfilo via per metà, così appena presa una bistecchina posso riavvolgere la vaschetta.
Seee, magari fosse così semplice.
Per quanto tenti di tirare fuori il mio pezzo di carne, questa non vuol saperne di venire via. Son saldate le une alle altre dal ghiaccio. Ho capito, tolgo del tutto il cellofan facendo attenzione che non si avvolga e appiccichi su se stesso e lo stendo sul ripiano del lavandino. Prendo la carne e levo via quella specie di cartoncino che ha attaccato sul fondo, faccio attenzione a toglierlo tutto con cautela evitando di lasciarne qualche pezzettino, non so che roba sia e non voglio che finisca sul mio piatto, potrebbe essere un materiale tossico e l'ultima cosa di cui ho bisogno è finire al pronto soccorso per una fettina. Ritento il distacco della mia bistecchina dalle altre, sono una sopra l'altra ma un po' scalate, come un ventaglio di carte. Uso solo le dita per via del gelo ma a quanto pare non sono sufficienti. Le prendo deciso con le mani e forzo più che posso per dividerle. Ci metto un bel po' di tempo e le mani cominciano a farmi male dal freddo.
Niente, non si staccano manco a pagarle care.
Le sbatto sullo spigolo del tavolo, la pazienza comincia ad andare a farsi benedire. Sono un tipo che di pazienza ne possiede a bizzeffe, ma stasera non sono dell'umore adatto.
I vicini penseranno che sto facendo dei lavori in casa col martello se mi sentono fare tutto questo baccano. Me ne infischio di loro e proseguo lo sbattimento delle bistecche sul tavolo come un pazzo.
Macché, nulla di nulla.
Mi frulla in testa la visione di un grosso martello; non tentarmi.
Con l'ennesimo colpo mi schizza via di mano il pacchetto e finisce a terra, ma porc...! Lo recupero e ci trovo due pelucchi attaccati, che schifo, se c'è una cosa che non sopporto è trovarci un capello sul piatto dove mangio. Lavo via l'orrore prima che mi passi la voglia di cenare.
Mi riscaldo le mani sull'acqua calda. Penso che l'unica soluzione sia metterle sotto il getto d'acqua per sciogliere un po' il ghiaccio. Provo l'idea, ma l'operazione però mi prende troppo tempo, facevo prima a farmi due spaghetti.
Dopo qualche minuto sento che si ammorbidiscono ai lati, riprovo a staccarle ma sembra che ancora resistano. Ci metto più forza e mi si spezza un lato, quello più sottile, una strisciolina di carne praticamente. Che nervi, le risbatto sul tavolo incazzato come una bestia, ma mi faccio più male io che loro.
Ho deciso, le scaldo tutte e tre al microonde, non volevo farlo ma sembra che non ci sia altra soluzione. Una me la mangio stasera e il resto le metterò in frigo per un altro momento.
Quanto ci voleva!